Imbarco immediato

Pessina Spa in IRAN

Città digitali 2016 numero 4

Realizzazione di 5 ospedali affidati dal MInistero della salute iraniano al Made in Italy

Pessina Spa in IRAN


Il primo degli ospedali sarà costruito nella cittadina di Mashaad: è stato già consegnato e approvato lo studio di fattibilità. Altri due ospedali saranno realizzati uno nella capitale Teheran, con una capacità di 1000 posti  letto e un altro nella città di Rasht, capoluogo della regione di Gilan, la più grande città iraniana, vicina al
mar Caspio, maggior centro di traffici commerciali tra il Caucaso, la Russia e l'Iran attraverso il porto di Bandar-e-Anzali. Qui l'ospedale generale avrà una capacità di 500 posti letto. L'altro sarà a Nishapur,  importante cittadina dell'est dell'Iran, capoluogo della regione del Razavi Khorasan.

Queste strutture sono inserite nella lista dei 21 ospedali definiti strategici dal Governo iraniano. A Teheran verrà realizzata anche una struttura per l’accoglienza dei bambini orfani in collaborazione con la Zeynab Kobra Foundation che gestisce orfanotrofi e che donerà il terreno dove verrà realizzata la struttura. Al memorandum d’intesa siglato ad inizio anno è seguito a fine giugno il contratto per il via definitivo all’operazione che prevede una struttura da 1.000 posti letto su una superficie di circa 200 mila metri quadrati, dal valore di 300 milioni di euro.

L’ospedale generale sarà anche un presidio per la ricerca collegato alla facoltà di medicina.

La Pessina Costruzioni realizzerà anche un albergo a disposizione dell’università e dei parenti dei malati, un centro fitness e un’ala destinata allo shopping center. Le strutture sono pensate come plessi integrati in cui  le tipiche funzioni sanitarie sono accompagnate da spazi commerciali e strutture alberghiere.

La Pessina Costruzioni è tra le prime aziende straniere, insieme ai coreani, a poter iniziare a costruire in quel paese dopo la fine delle sanzioni occidentali. Secondo quanto riferito dagli esponenti della Pessina  ostruzioni e in particolare dall’Amministratore Delegato Guido Stefanelli, “L'Iran in questo momento  assomiglia all'Italia del dopoguerra, ci sono grandi potenzialità. Verso l'Italia c'è grande simpatia e vicinanza
culturale. Nel corso dei viaggi in Iran abbiamo incontrato una realtà molto dinamica e complessa: esiste una grande riserva di energia pronta a raccogliere tutti i benefici dell’apertura economica.

C'è un fermento che si coglie benissimo girando per le strade di Teheran. In Iran si è aperto un grande cantiere dove stanno giungendo, da mezzo mondo, aziende e persone con il proprio modo di fare business, con la propria sensibilità e cultura”.

Pessina Costruzioni Spa


Ti è piaciuto l'articolo?
Autore: Redazione

TAGS: costruzione, edilizia, estero, internazionalizzazione, Iran

© 2018 - Assimpredil Ance - Credits