Le analisi

Cambiare il sistema bilaterale

Ripartire dal Fidec 2018 numero 14

per valorizzare il nostro settore

Cambiare il sistema bilaterale

Il rinnovo del contratto collettivo dello scorso luglio ha nuovamente posto al centro dell’attenzione il nostro sistema bilaterale che già il precedente contratto sottoscritto il 1° luglio 2014 aveva destinato di un apposito Protocollo da cui sono derivanti, tra l’altro, il Piano Industriale della Cassa Edile e l’unificazione tra ESEM e CPT . Proprio a partire dagli obiettivi del 2014 che oggi sono stati riaffermati e rafforzati, le Parti sociali nazionali hanno inteso definire nuovi indirizzi di gestione che ogni territorio sarà chiamato ad attuare per il pieno rispetto del contratto collettivo.

A tale scopo e per contribuire al buon esito delle previsioni contrattuali non è certamente secondaria la scelta di una governance forte e qualificata che, congiuntamente alle Organizzazioni sindacali, sia in grado di condurre i nostri Enti bilaterali verso la consapevole realizzazione di un processo di riorganizzazione, ridefinizione e rafforzamento.

In quest’ottica la nostra Associazione ha voluto fortemente e responsabilmente affidarsi a giovani imprenditori, con esperienza di vita associativa e conoscenza del sistema di rappresentanza, che potranno contribuire a valorizzare gli Enti proponendo una nuova visione ed apportando un importante contributo.

Mi riferisco al dr. Gabriele Bisio Presidente della Cassa Edile di Milano, Lodi, Monza e Brianza, all’ingegnere Filippo Rigoli Presidente di ESEM-CPT Ente Unificato Formazione e Sicurezza e all’arch. Luca Cazzaniga Presidente dell’Istituto Tecnico Carlo Bazzi che, nell’ambito dei rispettivi mandati, saranno chiamati a dare impulso alle attività di competenza degli Enti da loro presieduti.

Il loro apporto e la loro energia potranno contribuire in modo significativo a mantenere i nostri Enti al passo con le esigenze del mondo contemporaneo, potenziandoli e sviluppandone le qualità anche perché i nostri Enti, come più volte ho affermato, rappresentano un elemento essenziale e centrale per qualificare il nostro settore e per distinguere positivamente la nostra contrattazione collettiva.

Potremmo chiamarlo programma bilateralità 4.0!

Dobbiamo guardare avanti e pensare al futuro e lo possiamo fare ancor meglio con il supporto delle nuove generazioni che non si tirano indietro davanti alle difficili sfide che ci attendono e sono disponibili a mettersi in gioco in prima persona anche assumendo importanti incarichi presso i nostri Enti paritetici, convinti che il successo del sistema bilaterale favorirà le imprese ed i lavoratori del nostro settore che restano i primi beneficiari del nostro sistema bilaterale.

Buon lavoro ragazzi!  

Dario Firsech, Vice Presidente Rapporti Sindacali, Assimpredil Ance

Novembre 2018


Ti è piaciuto l'articolo?
Autore: Dario Firsech

TAGS: Cassa Edile, contratto di lavoro, CPT, Enti Bilaterali, ESEM, imprese edili, Lavoro, rapporti sindacali

© 2019 - Assimpredil Ance - Credits - Privacy