Guattani 16

Servono strumenti per rigenerare le città

Milano 2019 numero 17

#Bloccadegrado

Servono strumenti per rigenerare le città

Il tema di come coniugare sviluppo e tutela dell’ambiente è al centro di dibattiti internazionali di grande interesse. Di fronte agli effetti dei cambiamenti climatici, della necessità di rendere le nostre città sostenibili, tutti gli operatori hanno, infatti, la responsabilità di promuovere una forte azione di prevenzione e di messa in sicurezza di aree urbane e territori.

Da parte nostra, come Ance, vogliamo essere al fianco delle imprese per aiutarle a comprendere i mutamenti in atto e favorire pratiche virtuose orientate alla sostenibilità.

Ma perché questi buoni propositi vadano al di là di titoli di convegni e si trasformino in azioni concrete è necessario che la politica individui gli strumenti necessari affinché la rigenerazione urbana e l’economia circolare sia realmente possibile.
A cominciare da quella che deve essere la madre di tutte le battaglie contro una burocrazia asfissiante e cieca. Un muro di gomma che attraverso un groviglio di norme stratificate e non più attuali fa sì che nulla si muova e nulla si possa cambiare.

E in questo immobilismo prolifera il degrado e l’incuria, cui non è esente nessuna città italiana, perché la burocrazia, spesso, rende la vita difficile anche a una buona amministrazione locale.

Con questo spirito abbiamo promosso la nostra iniziativa bloccadegrado, invitando tutti i cittadini a segnalare (sul sito www.bloccadegrado.it), lo stato di incuria e abbandono in cui versano le strutture intorno a noi: scuole, infrastrutture, edifici, piazze.

Perché solo con una forte azione di denuncia da parte di tutti i cittadini e con il coinvolgimento delle amministrazioni è possibile avviare un grande piano di riqualificazione e rigenerazione delle aree urbane.

Il nostro obiettivo è risvegliare l’attenzione per la rinascita delle città su tutto il territorio e quindi anche nei centri minori. Per raggiungere questo obiettivo occorrono norme e procedure flessibili dedicate alla rigenerazione urbana eliminando vincoli e balzelli pensati per il periodo di espansione urbana degli anni ‘60 e ‘70 e che ora devono urgentemente essere adeguati alle esigenze della società contemporanea.

È dunque necessario attrarre anche in provincia investimenti che oggi sono per lo più concentrati solo su grandi realtà come Milano e Roma.

Questo è il percorso che tutto il sistema Ance sta perseguendo in questo ultimo anno, con la convinzione che su questa strada dobbiamo viaggiare tutti insieme: costruttori, investitori istituzionali, attori della filiera e mondo della finanza.


Gabriele Buia
, Presidente ANCE Nazionale  

Ottobre 2019


Ti è piaciuto l'articolo?
Autore: Gabriele Buia

© 2022 - Assimpredil Ance - Credits - Privacy