Imbarco immediato

I grandi progetti per ripartire: l’esempio di France Relance

Il nostro futuro sostenibile 2021 num. 24

Il Governo francese ha lanciato uno storico...

I grandi progetti per ripartire: l’esempio di France Relance

 

 

Il Governo francese ha lanciato uno storico piano di rilancio del valore di 100 miliardi di euro per ripristinare in modo sostenibile l'economia francese e creare nuovi posti di lavoro. L'obiettivo: trasformare l'economia investendo prioritariamente nelle aree più promettenti e far sì che la Francia possa ritrovare il suo livello economico pre-crisi in due anni.

Il piano di ripresa da 100 miliardi di euro si basa su 3 priorità: ambiente, competitività e coesione. Il piano rafforza la mobilitazione immediata del Governo in continuità con quanto già fatto dall'inizio della crisi.

Si tratta di una prosecuzione dei 470 miliardi di euro già mobilitati da marzo  2020 per finanziare misure di emergenza per aziende e dipendenti colpiti dalla crisi sanitaria del Coronavirus COVID-19.

 

Il piano di Rilancio: componente Ambiente

L'ambiente è al centro del piano di ripresa. Su 100 miliardi di euro, 30 miliardi sono destinati a finanziare la transizione ecologica. L'obiettivo è accelerare la conversione ecologica dell'economia francese in modo che si affermi una modalità più sostenibile ed economica nell’utilizzo delle risorse naturali e si possa raggiungere la neutralità carbonio entro il 2050. Questo orientamento strategico è incarnato nel Piano di ripresa attraverso:

  • ristrutturazione termica di edifici,
  • sostegno alla decarbonizzazione dell'industria,
  • il bonus ecologico,
  • il bonus di conversione per l'acquisto di veicoli meno inquinanti,
  • lo sviluppo del trasporto pubblico,
  • la trasformazione del settore agricolo,
  • ricerca e innovazione per lo sviluppo di tecnologie

Il piano di Rilancio: componente Competitività

Per promuovere lo sviluppo di attività ad alto valore aggiunto in Francia e creare posti di lavoro, il piano di rilancio include anche cambiamenti che renderanno l’economia francese più competitiva. La ripresa è la chiave della sovranità economica e dell’indipendenza tecnologica della Francia. Ciò si riflette in particolare attraverso:

  • minori tasse sulla produzione,
  • massicci investimenti nelle tecnologie future (tecnologie verdi),
  • rafforzamento del sostegno alla ricerca,
  • formazione,
  • sviluppo delle competenze,
  • promozione del know-how nazionale

Il piano di Rilancio: componente Coesione

Per evitare un aumento delle disuguaglianze in Francia dovuto all'impatto economico della crisi, la ripresa deve essere anche una ripresa sociale e territoriale. Il piano di rilancio determinerà quindi un impulso collettivo attraverso:

  • il Ségur de la santé (assicurazione sanitaria),
  • sostegno all'occupazione per i giovani e i più vulnerabili, comprese le persone disabili,
  • tutela del lavoro (attività parziale e programmi di formazione),
  • sostegno ai precari (aumento dell'indennità per il rientro a scuola, alloggi di emergenza, piano di sostegno alle associazioni che lottano contro la povertà),
  • coesione territoriale.

Le misure del piano di ricostituzione saranno introdotte gradualmente entro il 2022. Tuttavia, alcune misure sono già state adottate nell'ambito della 3a legge  finanziaria (LFR3) 2020 (misure per l'attività, occupazione giovanile, sostegno finanziario parziale a lungo termine in particolare per la ricollocazione), mentre la maggior parte delle altre misure è inclusa nelle proposte di legge finanziarie per il 2021.

La versione integrale del piano è consultabile a questo link: https://www.economie.gouv.fr/files/files/directions_services/plan-de- relance/annexe-fiche-mesures.pdf

  

A cura della Redazione

Fonte: ICE - Ufficio di Parigi


Ti è piaciuto l'articolo?

TAGS: ambiente, costruzioni, covid 19, pandemia, rilancio, ripresa

© 2021 - Assimpredil Ance - Credits - Privacy