Le analisi

Verso la trasformazione digitale

Il nostro futuro sostenibile 2021 num. 24

Cambio di passo

Verso la trasformazione digitale

L’emergenza legata alla pandemia Covid-19 ha accelerato il processo di trasformazione digitale: un evento tragico, sul piano sia sociale che economico, e che, tuttavia, ha comportato per tutti (penso a Istituzioni, Enti pubblici, Imprese, ma anche famiglie e singoli cittadini) un significativo cambio di passo, “costringendoci” a una marcia a tappe forzate, in direzione di una più decisa digitalizzazione di attività e processi.

Lo si è visto con l’attivazione dello smart working, il passaggio alla didattica non più in presenza, ma a distanza, la digitalizzazione dei servizi, il ricorso alle riunioni virtuali, l’aumento dell’uso dei social network, delle ore di accesso al web.

La trasformazione digitale è un processo profondo, che comporta cambiamenti sostanziali non solo a livello di tecnologia, ma anche di cultura, di modi di vivere e lavorare.

In questo contesto, anche la nostra Associazione, come anticipato nei miei contributi precedenti, è stata chiamata a operare con nuove modalità, a essere vicina pur a distanza. Sta proseguendo lo sforzo quotidiano volto a garantire l’affiancamento delle imprese con strumenti digitali e con comunicazione a distanza, individuando formule e modalità sempre flessibili e più vicine alle esigenze anche di tempo dei soci, per dare tempestivamente consulenza, formazione e approfondimento sui temi caldi del momento.

Ma questo è solo una parte del lavoro compiuto: Assimpredil ha infatti voluto rispondere a bisogni nuovi delle aziende associate proprio in termini di passaggio a una più spinta digitalizzazione. Lo ha fatto operando su diversi fronti.

Sono stati organizzati incontri sulla comunicazione digitale e l’uso dei social media, poiché oggi più mai è importante per un’impresa migliorare le competenze digitali e approcciare e poi gestire al meglio la propria presenza digitale: questo significa capire il target a cui ci vuole rivolgere, scegliere i canali migliori, i contenuti più efficaci, in una parola, impostare una strategia digitale efficace e vincente. Il nostro settore, peraltro, è particolare e storicamente poco abituato a raccontare e raccontarsi. È quindi quanto mai necessario e importante intraprendere questa strada per stare al passo coi tempi, magari anticipando i propri competitor.

Su un altro fronte, l’Associazione ha voluto spingere sull’innovazione delle imprese socie, stimolando la loro voglia e capacità di mettersi in gioco, di cambiare e trasformarsi, e lo ha fatto creando una piattaforma di dialogo virtuale con start up innovative su ambiti di interesse per le costruzioni. A fine dicembre è così nata, in collaborazione con Digital Magics, la piattaforma Open Innovation Lab e tra i vari temi emersi la digitalizzazione del cantiere è uno dei temi cardine e a breve si terranno workshop dedicati all’ applicazione dell’intelligenza artificiale alle attività dei cantieri di costruzioni e alla remotizzazione delle attività di cantiere.

Lo Sportello BIM e digitalizzazione di Assimpredil Ance, divenuto “web” per consentire una costante interlocuzione con le imprese, ha organizzato e promuoverà anche nei prossimi mesi incontri dal titolo “Facciamo il punto sul BIM, dove si trova la vostra impresa?” L’obiettivo è fare un punto sintetico sulle principali direzioni dell’innovazione digitale in ambito BIM, affrontando i vari punti che un’impresa dovrebbe considerare, per poi fornire un orientamento utile a sviluppare una propria valutazione interna per identificare stato attuale e possibili passi da compiere per spingersi in questa direzione.

Anche sul fronte della sicurezza, è forte l’accompagnamento verso i soci, in termini di digitalizzazione: è un tema noto, infatti, l’appesantimento di produzione, gestione e conservazione dell’ingente documentazione di salute e sicurezza aziendale e di cantiere con il quale, quotidianamente, si devono confrontare le nostre imprese.
Per questo, il nostro Ente Bilaterale, ESEM-CPT, insieme ad ATS Milano Città Metropolitana han sviluppato una piattaforma che consente di gestire e condividere digitalmente la documentazione di cantiere in materia di sicurezza. Importante è stato anche il contributo portato da alcune imprese associate coinvolte nella fase di sperimentazione.

Concludendo queste mie riflessioni, posso affermare che tutti non vediamo l’ora di tornare alla “normalità”, ma certamente la strada intrapresa verso la digitalizzazione non si arresterà, restando patrimonio nella vita delle imprese e delle persone. E Assimpredil continuerà l’affiancamento in questa direzione.

 

 

Luca Botta, Vice Presidente ai Rapporti Organizzativi, Assimpredil Ance

Aprile 2021


Ti è piaciuto l'articolo?

TAGS: ANCE, Assimpredil, Associazione, costruttori, Covid, covid-19, digitalizzazione, edilizia

© 2022 - Assimpredil Ance - Credits - Privacy